Svolta

Pensavo alla giornata di oggi, e nello stesso momento mi sentivo “sobbollire”, proprio come una crema pasticcera che è quasi pronta.

Già, gli “altri” non perdono occasione per mettermi da parte/e o maltrattarmi e sinceramente sono alquanto stanca.

Stufa di pensare che non sempre si deve aspettare di essere cercati, che bisogna fare il contrario

Stufa di aspettare un momento di felicità che potrebbe durare pochi istanti, sparire, e tornare chissà… forse un giorno.

Ho i nervi a fior di pelle, ma non riesco a fare a meno di trattenere le lacrime. Ecco, io non cerco molto, solo affetto e comprensione; ma per certi versi forse questo potrebbe essere considerato molto, anzi  moltissimo. Tutti sono restii a donare, a donarsi. Hanno paura di soffrire, e si tirano indietro, misurano il loro affetto, lo fanno pesare, come se fosse necessario comprarlo con chissà quanto oro. Possibile che sia tanto difficile amare, e ricevere solo amore come moneta?

Si, vero? In effetti lo pensavo da molto, e non c’è altra spiegazione valida. Una vita fatta solo di corsa, alla ricerca del lavoro che permette di stare entro le spese mensili, che ti permetta una vita agiata, di “mantenere” una moglie ed una famiglia. Ormai, non si pensa più all’affetto che se ne potrebbe ricavare. I figli sono un tornaconto. E se non ti servono da grandi per contribuire alle spese, per aiutare in casa, per quale motivo li hai messi al mondo?

Loro, i genitori, si accontentano delle risate e delle prime parole pronunciate all’inizio, dopodiché tutto inizia a scemare, e ti accorgi che un giorno è cambiato tutto.

Non senti più quel calore che ti ricopriva quando eri piccola, quando correvi dietro il grosso e dolce cane di casa, quando zii e parenti vivevano in una serena atmosfera.

E se un figlio non ti aiuta? Rinfacci di continuo quanto sia inutile a casa se non fa nulla…

Perché… i figli non sono legami affettivi, no. Ti ritrovi che un giorno apri gli occhi, e ti rendi conto di provare odio, verso molti, verso i tuoi parenti… e come si arriva ad una situazione del genere?

In me che non si dica, e quando meno te lo aspetti. Un momento prima ti sembra di vivere l’incanto, quello dopo, in un incubo, da cui speri di svegliarti il più presto possibile. E mentre le mie mani scorrono veloci sulla tastiera, come se stessi suonando le note della canzone che ascolto, cerco di sfogarmi, visto che, come consuetudine, non trovo chi vorrei vicino a me…

Forse sarò anche ingiusta, ma mi sento amareggiata, quasi adirata verso tutto e tutti… oggi sono io che non voglio dare amore, perché oggi nessuno lo merita. Si fa presto a mettermi da parte, lo accetto. Ma che venga accettato anche il contrario; non sono uno zerbino. Provo ad addolcirmi con James Blunt, ma passo quasi violentemente a Skin. Purtroppo capitano questi giorni pesanti e stressanti, anche se non faccio un gran chè, e il peso di questo diventa sempre più grande. Nasce quasi il pentimento di non essermi inscritta all’università, non perché senta un bisogno impellente di studiare, ma quanto quello di stare lontano da tutti… ognuno pensa al mio futuro diversamente, facendo progetti al mio posto

“Che ne dici di scienze dell’educazione? Perché non ti iscrivi questo o il prossimo anno?”

Ma te lo devo urlare in faccia? NON AMO QUESTE COSE, E SOPRATTUTTO CHE DECIDI AL MIO POSTO. Vorrei urlarlo così forte da farlo sentire per tutta la città, ma incasso il colpo in silenzio, ingoiando saliva che ha un sapore stranamente amaro e abbassando il capo. Tutti che si affannano a prepararmi il terreno per il mio futuro; ma come fanno, visto che non bene nemmeno io cosa voglio veramente?

O forse qualcosa ci sarebbe che desidero ardentemente, purtroppo per tutti va contro ogni aspettativa e progetto, visto che poco si colloca in ogni pianificazione…

Sento il bisogno di volare via… Le mie ali ora sembrano pronte

 

700453429.jpg

 

   

Devo solo cogliere l’attimo giusto, quello che capita una volta soltanto, e non me lo farò sfuggire via.

Ne ho abbastanza di sentirmi come un animale in gabbia,

 

716586098.jpg

 

Ne ho abbastanza di autocommiserarmi, di piangermi addosso… basta, non ne posso più! Devo dare una svolta alla mia vita

Rivoglio la mia vita, anzi, voglio la mia vita… e non permetterò a nessuno di portamela via.

La mia vita si trova a 1100 km da qui, e non permetterò che mi sfugga via. Non permetterò a nessuno di portami via da te… grazie per avermi svegliato dal mio torpore

Grazie per essere rimasto al mio fianco in questi momenti bui… grazie perché mi hai fatto tornare il sorriso… grazie per non avermi abbandonata… grazie perchè sei la mia luce ora, in tutta questa oscura foresta che mi avvolge…

 

1740167816.jpg

 

  Proteggiamo insieme il nostro amore, non permettiamo a nessuno di portacelo via… è proprio come un delicato fiore,

 

1642865952.jpg

 

Ma non verrà buttato giù da nulla… perché saremo forti, sarò forte, te lo prometto.

Difenderò con le unghie e con i denti quello che abbiamo costruito…

 

1624496924.jpg

 

 

 

Svoltaultima modifica: 2008-09-17T19:23:00+00:00da odette14
Reposta per primo quest’articolo

8 pensieri su “Svolta

  1. sembra il ruggito di un leone in gabbia che cerca un avi adi fuga e sogna la sua savana….ti capisco perfettamente è giusto ceh tu faccia le tue scelte e commetta i tuoi errori…nessuno deve poter scegliere per te. Una sola cosa…attenta perchè laffuori ci sono molti pericoli.

    un abbraccio speciale

  2. Che bello leggere queste righe, bello sentire che i pezzi si stanno ricomponenedo …. ma soprattutto bello sentire che è il Tuo amore il tuo punto di forza e allora per rendere la giornata ancora più speciale .. se vieni da me ho un regalo da lasciarti.
    Un grosso baciotto cara Amica mia

  3. Ogni tua parola riflette esattamente i miei pensieri e il mio stato d’animo di questo momento….spero che in questi anni le cose per te siano migliorate e che tu abbia trovato il conforto e l’affetto che cercavi…e sappi che da qualche parte c’è sempre qualcuno,come te,che attende solo una corrispondenza di sorrisi 🙂

  4. Ogni tua parola riflette esattamente i miei pensieri e il mio stato d’animo di questo momento….spero che in questi anni le cose per te siano migliorate e che tu abbia trovato il conforto e l’affetto che cercavi…e sappi che da qualche parte c’è sempre qualcuno,come te,che attende solo una corrispondenza di sorrisi 🙂

Lascia un commento